Torna alla Home-Page e cerca nel sito www.astroarte.it

 .

 

Articoli in

 


La nascita delle costellazioni antiche
L’Astronomia può essere definita la Madre delle Scienze per la sua antichità; infatti, le prime attività scientifiche che la razza umana ha intrapreso di cui abbiamo conoscenza riguardano appunto l’osservazione del cielo e le prime osservazioni celesti possono essere fatte risalire a molti millenni prima della nascita di Cristo; questa datazione così antica è possibile sia grazie alla scoperta di manufatti a tema astronomico sia per le tradizioni orali ereditate col passare del tempo.
Per gentile concessione.di Agostino Galegati  http://www.racine.ra.it/planet/testi/costel.htm 


Arte, architettura, astronomia: un rapporto lungo millenni
L’uomo fin dai tempi più antichi ha osservato il cielo con occhi pieni di stupore e meraviglia e, trovandolo tanto affascinante e misterioso, non ha potuto fare a meno di pensarlo abitato dagli dei, dalle dee e dai personaggi dei propri culti.
Questo fatto corrispose al passaggio dall’animismo all’astrolatria, vale a dire il culto dei fenomeni celesti.
Per gentile concessione.di Agostino Galegati  http://www.racine.ra.it/planet/testi/aarte.htm 


Storia dell'illustrazione scientifica
L'immagine stampata e la diffusione del pensiero scientifico.
Funzione ornamentale ed ermeneutica dell'illustrazione scientifica.
La funzione allegorica.  
Per gentile concessione del sito dell'Osservatorio Astronomico di Capodimonte - Arte & Scienza


La Primavera del Botticelli
Nell'opera d'un vero talento si riscontrano sempre più piani di lettura e molto più d'un solo esercizio d'abilità e le opere di Botticelli non sono certo monovalenti. [...]  
Articolo di Clara Giovanetti

IL RIFLESSO DI DANTE NELLA PRIMAVERA DI BOTTICELLI

Tutta la ricerca sull'interpretazione astronomica dell'opera più nota di Botticelli e i riscontri nella Divina Commedia di Dante Alighieri - Per gentile concessione di Giancarlo Gianazza & Gian Franco Freguglia


Astronomia nelle arti visive
Sin dalle più lontane origini dell'umanità, le bellezze del cielo hanno influenzato le filosofie di tutte le culture del mondo e, altrettanto antica è la necessità di rappresentarne le meraviglie, sia sotto l'aspetto istintivo e primordiale della raffigurazione diretta dei corpi celesti, sia nell'ambito della simbologia e della mitologia astrale. ...
Atti del congresso L'UNIVERSO TRA CONOSCENZA ED IMMAGINAZIONE
“La rappresentazione del cosmo nel corso della storia e nelle diverse espressioni artistiche: 
un nuovo campo della didattica, divulgazione ed informazione scientifica”. 

A cura di Claudio Del Duca


Astronomia e metafisica nello schema dantesco:
Analisi del Primo Canto del Paradiso

E' tra le terzine più belle di tutta la Commedia, oltre che uno dei pensieri più intensi per esprimere un altissimo concetto divino e la fede religiosa d'ogni uomo e d'ogni tempo. La Cantica del Paradiso, per l'intera struttura che la compone e per le edotte materie trattate, è quella più interamente cosmologica, metafisica ed astronomica di tutta la Divina Commedia. 
Articolo di Clara Giovanetti


L'Archeoastronomia in Italia e la possibile collaborazione degli astrofili nella ricerca
In Italia non è stato fatto molto perché la ricerca in questo campo è iniziata solo da pochi anni, ma, dalle numerose scoperte che si susseguono, sembra che ci sia finalmente un maggiore interesse scientifico per la materia...
Intervista al Prof. Giuliano Romano di Claudio Del Duca


La Space Art "da Chesley Bonestell ad oggi"
L'arte accompagna da sempre la scienza nel cammino filosofico e tecnologico dell'uomo. Agli inizi della storia, non trovando altre possibili spiegazioni, s'interpretavano e si raffiguravano le meraviglie del cielo come fenomeni di manifestazioni degli dei, ma con l'evolversi del progresso culturale 
e delle conoscenze astronomiche ...
Articolo di Mariapia Servidio


Pietra calendariale degli Aztechi 
L’osservazione del cielo e il computo del tempo avevano un’importanza fondamentale nella religione e nella vita quotidiana della civiltà Azteca. Lo studio dei movimenti degli astri rientrava nei compiti dei ministri di culti astrali, sacerdoti che avevano conoscenze precise sulla durata dell’anno, sulla determinazione del solstizio, sulle fasi e le eclissi di Luna, sulla rivoluzione del pianeta Venere e sui periodi delle diverse costellazioni, Pleiadi e Orsa Maggiore in particolare.
Articolo di Claudio Del Duca


  Ruota dei nove pianeti
In India lo studio dei moti celesti o “scienza dei luminari ”(jyotish) ha origini antichissime e l’importanza dell’astronomia è documentata in moltissimi testi scientifici e reperti archeologici.  Cenni sul significato degli astri e della loro influenza sui destini degli esseri viventi compaiono spesso come una componente fondamentale del vivere quotidiano, dimostrando che ...
Articolo di Claudio Del Duca


Vincent Van Gogh
"... Guardare le stelle mi fa sempre sognare, così come lo fanno i puntini neri che rappresentano le città e villaggi su una cartina. Perché, mi chiedo, i puntini luminosi del cielo non possono essere accessibili come quelli sulla cartina della Francia? Come prendiamo il treno per andare a Tarascona o a Rouen, così prendiamo la morte per raggiungere  le stelle.  ..."
 Articolo di Claudio Del Duca


© Copyright Astroarte.it 2002