Torna alla Home-Page e cerca nel sito www.astroarte.it

 .

 

Presentazione: 

Marzia Bedeschi, nata a Padova nel 1967, ha conseguito il diploma Magistrale, il diploma di Maestro d'Arte in Decorazione Pittorica e, nel 1991, il diploma in Pittura presso l'Accademia di Belle Arti di Venezia. Da allora si è sempre interessata alla pittura approfondendo la propria conoscenza tecnica della pittura ad acrilico, ad olio, ad acquerello. Negli ultimi dieci anni ha eseguito anche molte opere nel settore del Trompe l'oeil. 
Numerosi i viaggi in Oriente (India e Indonesia) le hanno dato modo di conoscere stili e culture diverse che vanno ad arricchire il suo bagaglio di conoscenze.
Negli ultimi anni tiene anche corsi di pittura per adulti e bambini.

Più che finestre, Marzia ci spalanca delle porte nel cielo. Attraversandole, veniamo circondati dalle mille e mille luci delle stelle che trapuntano il silenzioso mantello di cobalto-nero del suo spazio pittorico. Fascino e stupore ci coglie allorché, nel silenzio irreale, improvvisa, un’eterea scia di brillanti, zaffiri, rubini, smeraldi e oro ci avvolge: onda di luce e suono, musica celeste che ci inonda il cuore e la mente di emozioni. Polvere di stelle, sentiamo di esistere in un cielo che tutti ci accoglie e accomuna. Il tessuto pittorico delle sue tele richiama la materialità delle forme primordiali: orme geometriche impresse-sedimentate nel nostro codice di vita. Memoria ancestrale di quella originaria appartenenza che ci trovava atomi fluttuanti tra le galassie e poi primigeni organismi nelle abissali profondità degli oceani, fino al nostro più recente terrestre approdo. Le sue sono sapienti e liriche raffigurazioni cromatiche capaci di suscitare autentica meraviglia. Fra i suoi molteplici paesaggi cosmici la nebulosa rosa ci parla del mistero della nascita di nuove piccole stelle destinate ad irradiarsi nel cosmo e a costituire nuova fonte di scoperta e ammirazione per i futuri esploratori del cielo. Marzia si fa interprete della parte più spirituale di ognuno di noi e la esprime con la grazia che è propria dell’artista.

(Francesco Danesin - fotografo, cultore d’arte)

Il nuovo ciclo di quadri che intendo presentare si ispira al Cosmo e alle Forze della Natura … “siamo polvere di stelle” … e se gettassimo lo sguardo oltre il sottile strato che ci avvolge e ci preserva, l’atmosfera terrestre, lo potremmo comprendere! Mi ha sempre affascinata il cercare di rendere visibile ciò che normalmente non lo è pur essendo pilastro essenziale della vita stessa! Diamo per scontato il vivere in questo mondo che sfruttiamo e che spesso non apprezziamo: non sappiamo dove siamo e quali meravigliose e vitali energie ci permettono di vivere. E’ tutto racchiuso nel nostro Universo: spettacolare scenografia della Vita, meraviglia che ci circonda e ci coinvolge nella magica danza delle particelle invisibili e delle immense galassie: tutto armonizzato in equilibri perfetti e fantastici.
"Cosmocromie" nasce, o meglio, si manifesta, dalla tensione spirituale verso la conoscenza del Sé, nonché dal senso di appartenenza a questo Insieme Infinito, l’Universo. La tecnica nasce dalla sensibilità: ciò che deve parlare non sono le categorie mentali, ma il sentimento libero e consapevole che si sposta equanime tra i dualismi...buio e luce, nero e bianco, pesante e leggero, visibile e invisibile, paura e poesia, orrore e bellezza, inferno e paradiso...per cogliere l'unità di tutte le cose e l'armonia dell'insieme, dove ogni cosa appartiene al Tutto e dove il Tutto è in ogni cosa. E' così anche sulle tele dove convivono la drammaticità del nero, con la preziosa luminosità dell’oro; la”grossolana” matericità che emerge a rilievo accostata a sfumature colorate e a minuscoli frammenti luccicanti. Dalla sintesi di tutti gli opposti nasce quel senso di armonia e bellezza che è intrinseco in ogni essere vivente. Non c’è un alto e un basso e noi siamo già nel cielo!

"Il progetto Cosmocromie è un interscambio continuo di reciproca ispirazione al Cosmo con il Maestro Compositore Franco Guidetti. Il progetto ha origine dalla collaborazione per una mia Mostra personale ( Noventa Vicentina, Primavera 2008), dove egli tenne un concerto a tema durante l'inaugurazione.
Questa collaborazione si è poi consolidata con altre manifestazioni analoghe e, come l’universo, è in continua espansione. Molti suoi brani musicali e alcune opere pittoriche hanno lo stesso titolo e molte opere sono complementari."

(Marzia Bedeschi)


MOSTRE

- Anni 89-90. varie collettive di pittura presso l’ex macello di Padova;
- Novembre 1990: personale di pittura presso circolo culturale “La Terrazza” di Padova;
- Gennaio 1993: personale di pittura presso circolo Arci di Padova;
- 2002 - 2003:varie collettive di acquerello a Costozza e Noventa Vicentina (Vi);
- Luglio 2003: Biennale d’Arte Contemporanea “Leonardo da Vinci” presso la 
  Libera Accademia delle Belle Arti di Roma;
- 2006: personale di pittura “ Gli elementi” nell’ambito di una manifestazione culturale
  a Grisignano di Zocco (Vi); 
- Dicembre 2007: collettiva “Palladio e la civiltà fluviale” presso galleria 
  “scaletta 62” - Vicenza;
- Aprile 2008: mostra personale di pittura “Cosmocromie” – Villa Barbarigo, 
  Noventa Vicentina (Vi);
- Maggio/Giugno 2008: mostra personale di pittura “Cosmocromie” presso 
  Libreria Draghi di Padova.
- 17 giugno/7 luglio ’08: mostra personale “Cosmocromie” presso la sala esposizioni
  della Banca Credito Cooperativo Vicentino (BCC) di Alonte (VI)

Abitazione e studio 
 Noventa Vicentina (VI)


© Copyright Astroarte.it 2008